Scavi di Pompei, Napoli

Pompei è una città italiana situata vicino a Napoli. Questa città sorge su un altopiano di formazione vulcanica, sul versante meridionale del Vesuvio, a circa 30 metri sul livello del mare.

Gli scavi archeologici e la storia di Pompei

L’importanza storica di Pompei, che attira ogni anno moltissimi turisti da tutto il mondo, è dovuta agli scavi archeologici che hanno riportato alla luce l’antica città romana, distrutta dall’eruzione del vulcano Vesuvio del 79 d.C. Questo tragico avvenimento causò la morte di tutti gli abitanti della cittadina e la distruzione dell’intera area dove essa sorgeva.

I primi scavi in quest’area risalgono al 1748, ma passarono ancora molto anni prima che la città tornasse a vedere la luce, infatti si dice che Pompei non sia stata distrutta dall’esplosione, bensì è come se avesse fermato il tempo per restiture al giorno d’oggi tutto ciò che ne faceva parte in quel giorno del 79 d.C.

Templi e monumenti da visitare

L’ingresso principale agli scavi è la Porta Marina, nei pressi della quale è possibile visitare la Villa Imperiale, che offre decorazioni pittoriche e mosaici, tipici ornamenti dell’epoca romana, che caratterizzano le sale della villa, all’interno della quale si possono tutto’ora osservare gli oggetti che la arredavano.

Molti sono anche i templi da visitare in questa zona, tutti mantenuti molto bene, perciò capaci di trasmettere l’atmosfera che si respirava al tempo. Ciò che rende ancora più suggestiva e culturalmente interessante questa zona sono i calchi.

Le vittime dell’ eruzione attraverso i calchi

Il metodo dei calchi permette a noi oggi di vedere l’espressione facciale delle persone che quel maledetto giorno cercavano di fuggire dalla furia del vulcano, le pieghe dei vestiti, sagome di mobili e animali. Questa tecnica fu sperimentata a Pompei dal direttore degli scavi, il quale, in seguito al ritrovamento, all’interno di una cavità, di ossa, fece colare del gesso al suo interno. Il gesso, una volta solidificato, veniva tolto molto cautamente e permetteva di scorgere l’impronta del corpo nel terreno.

I calchi si popssono osservare in molte zone degli scavi, tra i quali è importante menzionare l’Orto dei Fuggiaschi, chiamato cosi proprio perchè furono moltissime le persone sorprese qui in via di fuga, e di cui tutt’ora si osservano i corpi.

Queste e molte altre sono le bellezze che offrono gli scavi di Pompei, da visitare in quanto attrazione unica nel suo genere.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.